loading

Nuovo DPCM, cosa succede dal 6 novembre

Chiarimento in merito all'ultimo DPCM per i distributori, i manutentori e i riparatori di veicoli

Grazie ad un comunicato dell'UNRAE, abbiamo un chiarimento in merito al DPCM pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 275 del 4 novembre 2020 – Suppl. Ordinario n. 41.

COSA DICE IL DECRETO

“Relativamente alle attività dei distributori di veicoli segnaliamo che:

1) ex art. 1, comma 9, lett. ff), NON è prevista la chiusura nelle giornate festive e prefestive delle medie e grandi strutture di vendita

2) nello scenario 4 (zona rossa), ex art. 3, comma 4, lett. b), il commercio al dettaglio di autoveicoli, motocicli e relative parti ed accessori resta comunque CONSENTITO in quanto tali attività rientrano tra quelle di prima necessità, individuate nell’Allegato 23 al DPCM 3 novembre 2020. Va da sé che è consentita tale tipologia di commercio al dettaglio anche nelle zone arancioni e gialle

3) con riferimento agli spostamenti nelle zone classificate come scenario di massima gravità (zona rossa) vi è la possibilità di movimento anche per raggiungere attività di commercio al dettaglio individuate dall’allegato 23 come di prima necessità, L’art. 3, comma 4, lettera a), infatti prevede:

a) è vietato ogni spostamento in entrata e in uscita dai territori di cui al comma 1, nonché all’interno dei medesimi territori, salvo che per gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità ovvero per motivi di salute. Sono comunque consentiti gli spostamenti strettamente necessari ad assicurare lo svolgimento della didattica in presenza nei limiti in cui la stessa è consentita. È consentito il rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza. Il transito sui territori di cui al comma 1 è consentito qualora necessario a raggiungere ulteriori territori non soggetti a restrizioni negli spostamenti o nei casi in cui gli spostamenti sono consentiti ai sensi del presente Decreto.

TORNA L'AUTOCERTIFICAZIONE

La ragione di spostamento, in caso di eventuali controlli, dovrà essere dichiarata nelle forme e con le modalità dell’autocertificazione.

ATTIVITA' DI MANUTENZIONE E RIPARAZIONE

Infine, evidenziamo che non vi sarebbe alcuna limitazione per le attività di manutenzione e riparazione di autoveicoli, le quali potranno continuare ad operare su tutto il territorio nazionale, ovviamente nel rispetto delle misure di sicurezza. Le officine di riparazione di autoveicoli non sono infatti considerate dal legislatore come commercio al dettaglio, ossia l'oggetto delle limitazioni di cui al presente DPCM 3 novembre.”

Ai Clienti è quindi consentito recarsi da un concessionario per acquistare un veicolo, fare un tagliando, richiedere il cambio pneumatici ed effettuare altre attività di manutenzione.

Contattaci

I campi segnati con * sono obbligatori
I suoi dati personali saranno elaborati dai rispettivi titolari come descritto nell’informativa sulla privacy Informativa sulla privacy.

Per ulteriori informazioni sui suoi diritti relativi alla Privacy e sui nostri contatti, legga qui.
Torna all'inizio